INDUSTRIAL CHIC

Il mondo dell’arredamento, è composto da richiami al passato e mode passeggere, per tale motivo è in continua evoluzione. Una sfumatura di questa evoluzione di stile, ha affondato le sue radici negli anni ’50 nella Big Apple, ovvero nella traduzione italiana nella “Grande Mela”, a New York. Non per causalitĂ , questa spirale di stile si sviluppò in contemporanea con la nascita dei loft: abitazioni ricavate da vecchie fabbriche/cappanoni abbandonati, dove a fare da protagonisti sono oggetti di riciclo, mobili vintage, ubicati in ambienti malaformati e quasi spogli che, come per stregoneria , si trasformano e diventano superbi.

Ad agevolare l’ingresso di tale stile di arredamento , è stata anche la propensione al risparmio, influenzata dalla crisi economica altalenante degli ultimi decenni. E così si ricicla, si riutilizza, e ciò che è vecchio viene rammendato con il nome di vintage. Quasi ci fosse la volontĂ  di ritornare a qualcosa di sorpassato, che ci parli di originalitĂ .

Tuttavia, al giorno d’oggi, il pensiero di loft è un ideologia molto richiesta che si sposa perfettamente con il pensiero di open space. Dove molti dei proprietari hanno voluto mantenere vivo lo stile originale dell’edificio ridando vita ad oggetti inutilizzati, creando così l’Industrial chic, un espressione dal taglio moderno e metropolitano. Lo stile Industrial, quindi, deve la sua nota distintiva all’utilizzo di strumenti vintage dall’aspetto grezzo provenienti da vecchie fabbriche ecatene di montaggio.

Alcuni aneddoti possono essere:

In cucina: E’ possibile optare per un piano snack, ovvero una sorta di tavolo che richiami lo stile bancone da bar americano, accompagnati con degli sgabelli alti con una struttura in ferro e magari foderati con una pelle vintage. Oppure, la cappa al di sopra del piano cottura deve essere rigorosamente in mostra e dalle linee squadrate e geometriche. Inoltre, per dare un tocco diverso e stravagante alla cucina si può optare per una parete-lavagna.

Nel salone: I divani devono essere progettati con una seduta in pelle collage o vintage, in modo tale da richiamare gli anni ’50 . In sintesi, bisogna adottaee un arredamento che tenda sulla scala cromatica del grigio, optando per mobili grezzi che tendando ad avere un mix tra legno e metallo, in modo tale da creare un’ambiente non troppo freddo.In sintesi: versalitĂ , verticalitĂ , minimalismo, mix tra legno e metallo ecc. sono tutte caratteristiche di tale stile, ma la regola fondamentale è: tutto a vista, con colori scuri o neutri.

Summary
Industrial Chic
Article Name
Industrial Chic
Description
Il mondo dell’arredamento, è composto da richiami al passato e mode passeggere, per tale motivo è in continua evoluzione
Author
Publisher Name
DSC
Publisher Logo

Commenti sottoposti a moderazione e riservati solo ai visitatori registrati